SEI IN > VIVERE IMOLA > SPORT
comunicato stampa

Torna la Formula 1: all’Autodromo “Enzo e Dino Ferrari” il Formula 1 MSC Cruises Gran Premio del Made in Italy e dell’Emilia-Romagna

5' di lettura
34

Gp Imola

Diciannove curve, 10 a sinistra e 9 a destra, 4.909 km da percorrere in 63 giri per un totale di 309.049 km. Curve e rettilinei che hanno fatto la storia dell’automobilismo.

La Formula 1 torna all’Autodromo Internazionale “Enzo e Dino Ferrari” di Imola dal 17 al 19 maggio con il Formula 1 MSC Cruises Gran Premio del Made in Italy e dell’Emilia-Romagna.

Dopo la cancellazione dell’edizione 2023 a causa dell’alluvione che ha duramente colpito la regione, il grande circus fa di nuovo tappa in Emilia-Romagna con la settima prova del Mondiale 2024, primo appuntamento europeo di quest’anno. Questa mattina in Regione, a Bologna, la presentazione di uno degli appuntamenti di punta del calendario sportivo in Emilia-Romagna.

Per il week end all’insegna dei motori e della velocità sono attesi oltre 200mila spettatori. Il Gran Premio di Formula 1, infatti, è una delle leve della crescita economica del territorio. Lo testimoniano i dati relativi all’ultima edizione disputata, quella del 2022, che ha creato un giro di affari pari a 274 milioni e 167 mila euro (Fonte JFC).

Nel 2022 sono state 60 le tv collegate e 82,2 milioni gli spettatori che hanno seguito la corsa.

Il week end a Imola

Il programma del Gran Premio prevede venerdì due sessioni di prove libere dalle 13.30 alle 14.30 e dalle 17 alle 18; il sabato la terza sessione di prove libere dalle 12.30 alle 13.30 a cui seguirà la qualifica dalle 16 alle 17. Domenica il via del GP è previsto per le 15. Oltre alla Formula 1 saranno in pista Formula 2, Formula 3 e Porsche Supercup.

Emilia-Romagna, unica vera “Motor Valley” internazionale

L’Emilia-Romagna si conferma l’unica, vera “Motor Valley” internazionale. Lo dicono i numeri.

La filiera dell’automotive conta, nella sua componente manifatturiera (fabbricazione di autoveicoli, rimorchi, semirimorchi e altri mezzi di trasporto) circa 800 imprese, 1.200 unità locali e 25mila addetti, per un fatturato realizzato nel 2022 di oltre 15 miliardi di euro (pari al 13,5% della filiera nazionale) ed un export di 10,9 miliardi di euro (18% della filiera nazionale).

Includendo anche la componente commerciale, la filiera allargata si compone di 11,6 mila imprese, 15 mila unità locali e quasi 62 mila addetti, per un fatturato complessivo di oltre 24 miliardi di euro.

E ancora: 188 team sportivi, 13 musei specializzati, 18 collezioni private, 4 autodromi e 11 piste da karting. Un patrimonio economico e di lavoro ma anche culturale. Marchi prestigiosi, famosi nel mondo; grandi campioni delle due e quattro ruote; talenti e professionalità uniche; aziende e start up che guardano al futuro e investono in ricerca, innovazione, sostenibilità. Fino ad arrivare ai sei corsi di laurea internazionale di MUNER, la Motorvehicle University of Emilia-Romagna, una realtà unica, voluta dalla Regione insieme alle quattro università emiliano-romagnole e tutte le più grandi case motoristiche del territorio, che chiama qui studenti da ogni Paese.

E poi il Clust-ER Mech che riunisce centri di ricerca e imprese attive nei settori della motoristica e della meccatronica per spingere sulla competitività di tutta la filiera. E tanti appuntamenti fieristici ed eventi di portata internazionale: Autopromotec, E-Tech Europe, Futurmotive a Bologna. E il Motor Valley Fest, la grande fiera a cielo aperto della terra dei motori emiliano-romagnola, che si è concluso il 5 maggio.

Un prodotto anche turistico: i visitatori totali di musei e collezioni, insieme agli spettatori degli eventi che si svolgono negli autodromi emiliano-romagnoli, superano i 2 milioni di presenze. La ricaduta economica derivante dal movimento turistico ed escursionistico supera i 300 milioni di euro di indotto.

Emilia-Romagna, un anno di grande sport

L’Emilia-Romagna si conferma terra di grandi eventi sportivi. Il Formula 1 MSC Cruises Gran Premio del Made in Italy e dell’Emilia-Romagna è, infatti, una delle oltre 100 manifestazioni che sarà ospitata in regione. Il 2024 sarà per l’Emilia-Romagna l’anno del Tour de France, con le tre tappe Firenze-Rimini, Cesenatico-Bologna e Piacenza-Torino, tra il 29 giugno e il 1^ luglio. Il Giro d’Italia maschile farà tappa il 17 maggio con la Riccione (Rn)-Cento (Fe) e poi a luglio tocca al Giro d’Italia femminile, il 9 con la tappa Sabbioneta (MN) – Toano (Re) e il 10 con la Imola (Bo) -Urbino (Pu).

Tra le novità del 2024 l’Open d’Italia di Golf a Cervia (dal 27 al 30 giugno), nel cuore della Romagna colpita dall’alluvione nel 2023; il calcio con la Nazionale il 4 giugno al Dall’Ara di Bologna, a undici giorni dall’esordio a Euro 2024, i Mondiali di Pattinaggio artistico su rotelle a Rimini dal 2 al 14 settembre.

Tra le conferme la Coppa Davis, per il terzo anno consecutivo all’Unipol Arena di Casalecchio di Reno (Bo) dal 9 al 15 settembre; il Gran Premio di San Marino e della Riviera di Rimini di Moto Gp a Misano (6-8 settembre) e la prova del Mondiale Superbike, ancora al circuito Marco Simoncelli, (14-16 giugno).

E ancora nel Parmense, a Busseto, gli Special Olympic Games il 7-9 giugno, mentre a settembre è in programma il Silver Nations League di Paravolley.

Infine, da ricordare, sempre all’Autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola, il 5-7 luglio l’European Le Mans Series e dal 16 al 20 ottobre le Finali Mondiali Ferrari.

https://regioneer.it/calendario-sport-2024



Gp Imola

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 10-05-2024 alle 07:45 sul giornale del 11 maggio 2024 - 34 letture






qrcode